Ciclo di studio sul paesaggio #1: ‘Brevi storie sull’animale strumentale’

9/10/2020 ore 21:00

Lo spazio Lab27 è lieto di annunciare la riapertura della propria attività in occasione dell’inaugurazione della mostra ‘Brevi storie sull’animale strumentale’ che presenta opere selezionate di Kirk Crippens & Gretchen LeMaistre, Gary Green, Simon Gush e David Wilson.
La mostra (9 al 25 ottobre 2020) apre un ciclo di programmazione trimestrale dedicato al paesaggio e l’immagine, attraverso esposizioni, seminari, workshop, ed altre occasioni.

La modernità schiaccia l’individuo contro sé stesso. Il tema è centrale nel lavoro di Simon Gush. Nel film ‘Lazy Nigel’, il regista sud Africano ci offre scorci di una quotidianità alienata, di un’edilizia anonima, di un paesaggio piegato alla produttività. Il progetto “Live Burls”, di Kirk Crippens e Gretchen LeMaistre, testimonia un’efferata crudeltà svelata sui maestosi alberi sacri della west coast americana.  Nel 2013 il noto Redwood National Park e altri parchi naturali del Nord della California, che ospitano i giganti del pianeta, hanno subito una grave aggressione da parte di bracconieri che ha minacciato la sopravvivenza dell’intero ecosistema. Dalla costa alla montagna si dispiega l’agire umano. In “Shores Plains Mountains” David Wilson prende le misure con l’idea di paesaggio costruito nella propria regione di appartenenza. Viste che documentano una frammentazione dello spazio e allo stesso tempo manifestano un desiderio di astrazione rispetto ad una meta definita. Mentre in Gary Green la vista si  riflette nell’acqua, quasi a volersi riappacificare con ciò che lo circonda, attraverso una quieta contemplazione di quel sé medesimo che è un tutt’uno con la natura. Tratto da una strofa del poema ‘Thirteen Ways of Looking at a Blackbird’ di Wallace Stevens, l’ultimo lavoro realizzato dal fotografo americano (“The River is Moving/The Blackbird Must be Flying”) raccoglie una serie di placide osservazioni lungo le sponde di un corso d’acqua della sua cittadina, Waterville nel Maine.

Nella mostra ‘Brevi storie sull’animale strumentale’, Lab 27 propone un invito a riconoscere nel paesaggio qualcosa di più di un collage di pezzi. Parafrasando Juan Manuel Palerm Salazar si propongono differenti interpretazioni sulla natura, capaci di tradurre e declinare nuovi significati e direzioni anche in chiave progettuale. Pur riconoscendo un grado di irrimediabilità nell’azione umana, la fotografia può ancora porsi quale strumento di coscientizzazione per operare trasformazioni “altre”, suggerendo prospettive, relazioni, possibilità.


lab27

 

INAUGURAZIONE
9 ottobre alle ore 21:00

Interviene il fotografo David Wilson e Steve Bisson (direttore artistico di Lab 27).
L’evento è accessibile nel rispetto delle norme Covid-19. PRENOTAZIONI AL COMPLETO
La registrazione della presentazione è accessibile in diretta streaming dal canale You Tube.

 

VISITE GUIDATE

10 ottobre / 24 ottobre alle ore 16:00 e 17:00.
Prenotazioni a lab27.it@gmail.com

 

lab27

lab27

lab27

lab27

lab27


 

LINKS

Kirk Crippens
Gretchen LeMaistre
Gary Green
Simon Gush
David Wilson


 

Galleria

© Kirk Crippens e Gretchen LeMaistre tratte dalla serie ‘Live Burls’.  Nel 2013 il noto Redwood National Park e altri parchi naturali del Nord della California, che ospitano i giganti del pianeta, hanno subito una grave aggressione da parte di bracconieri che ha minacciato la sopravvivenza dell’intero ecosistema. I due fotografi americani invitati dalle autorità a documentare e sensibilizzare l’opinione pubblica hanno realizzato una serie di ritratti alle mutilazioni operate a danno delle maestose sequoie.


Proseguono i preparativi in vista della riapertura del 9 ottobre. Al lavoro sulle stampe di Kirk Crippens e Gretchen LeMaistre


In mostra il libro ‘Live Burls’ di Kirk Crippens e Gretchen LeMaistre pubblicato da Schildt publishing.


© Gary Green tratta dalla serie ‘The River is Moving/The Blackbird Must be Flying’. Con Gary Green la vista sul paesaggio si piega per riflettersi nell’acqua, quasi a volersi riappacificare con ciò che lo circonda, attraverso una quieta contemplazione di quel sé medesimo che è un tutt’uno con la natura. Tratto da una strofa del poema ‘Thirteen Ways of Looking at a Blackbird’ di Wallace Stevens, l’ultimo lavoro realizzato dal fotografo americano raccoglie una serie di placide osservazioni lungo le sponde di un corso d’acqua della sua cittadina, Waterville nel Maine.


Tra gli autori esposti nella mostra ‘Brevi storie sull’animale strumentale’ a cura di Steve Bisson , il fotografo americano Gary Green con il suo ultimo lavoro, ‘The River is Moving. The Blackbird Must be Flying’.
Disponibile in anteprima anche il libro di fresca pubblicazione da parte di L’Artiere.


© Immagine dal film ‘Lazy Nigel’ del regista sud africano Simon Gush. La modernità schiaccia l’individuo contro sé stesso. Il tema è centrale nel lavoro del regista sud africano. In ‘Lazy Nigel’, egli offre alcuni scorci e riflessioni sopra una cittadina mineraria in via di abbandono. Quotidianità alienata, edilizia anonima, un paesaggio piegato alla produttività fanno da scenario per alcune significative considerazioni.